Come sono le coste del salento

Le coste del Salento "Terra dove il sole nasce e muore dentro il Mare". Territorio caratterizzato sia da coste rocciose che da ampi arenili di finissima sabbia bianca in entrambi i casi con acque sempre limpidissime.
coste_del_salento_1
Il litorale salentino
Idiari

Le coste del Salento alternano spiagge in sabbia fine a rocce anche alte sul mare sempre con l’acqua limpida e trasparente.
Particolare è la costante presenza di Torri (di forma cilindrica e/o quadrata), costruite per la paura dei saraceni, facendo si che la zona si dotasse di uno scudo protettivo tra il 400 e il 500. Ai tempi, lungo la costa pochissimi erano i centri abitati e uno di questi Otranto venne messo a ferro e fuoco nell’estate del 1480.
Oggi la costa salentina, dotata di numerose oasi e parchi naturali protetti, registra la presenza di numerosi centri balneari come Santa Cesarea terme, Santa Maria di Leuca (frazione di Castrignano del Capo), Gallipoli, Santa Maria al Bagno (frazione di Nardò), Porto Cesareo.
Per trovare i luoghi ideali dove fare il bagno è di fondamentale importanza verificare da quale quadrante soffia il vento. In genere si possono seguire queste indicazioni:

  • Per la costa adriatica del Salento:
    Da Casalabate ad Alimini il mare è calmo o quasi calmo con venti deboli da Sud. Se soffia la tramontana, il vento che spira da Nord, il mare sarà quasi sempre ovunque mosso o molto mosso, ad eccezione delle baie di Torre dell’Orso e di Sant’Andrea che sono protette da quasi tutti i venti.
    Da Otranto a Santa Maria di Leuca il mare è calmo o quasi calmo con il vento da Nord, mentre è mosso o molto mosso con lo scirocco o il libeccio, venti provenienti da Sud.
  • Per la costa ionica del Salento:
    Da Torre San Gregorio sino a Torre lapillo il mare è generalmente calmo o quasi calmo se soffiano venti da Nord. Invece con lo scirocco o il libeccio è mosso o molto mosso, ad esclusione della baia di Gallipoli, che termina a Torre del pizzo, dove i venti da Sud e da sud-Est non si sentono affatto, e rendono il mare liscio come l'olio.

Analisi delle Coste:

  • Costa adriatica: da Casalabate a Roca
    Casalabate, Torre Rinalda, Torre chianca, Frigole e San Cataldo sono le marine di Lecce caratterizzate da belle ed ampie spiagge di sabbia bianca. La località più rinomata è certamente San Cataldo con spiagge libere e lidi attrezzati. Andando verso sud troviamo San Foca primo centro balneare con due spiagge e dove i lidi attrezzati sono più numerosi delle spiagge libere, a Roca invece si può fare il bagno dallo scoglio in acque cristalline.
  • Costa adriatica da Torre dell’Orso ai Laghi alimini
    La baia di Torre dell’Orso è sempre protetta dai venti e solo poche volte il mare è mosso e l’acqua non perde mai la sua limpidezza. Unica pecca è l’affollamento delle spiagge. 
    In prossimità dei laghi Alimini (proprio di fronte ad essi vi è un litorale ben attrezzato con numerosi lidi ma anche con tanta spiaggia libera, l’accesso però non è comodo visto che occorre attraversare a piedi o con un trenino il bosco di pini eucalipti e macchia mediterranea.
  • Costa adriatica da Otranto a Leuca
    Salvo poche eccezioni la costa si alza anche in maniera imponente tranne qualche eccezione, la località più famosa è senz’altro Porto Badisco per via della Grotta dei Cervi ed è in possesso di una piccola spiaggia con il mare profondo e sempre calmo ideale per chi ama fare tuffi.
  • Costa Ionica da Leuca a Torre San Giovanni
    La marina di Leuca è prevalentemente frastagliata, mentre risalendo verso Gallipoli si incontrano una serie di baie visibili anche dalla litoranea, da Torre Vado a Torre pali è tutto un continuo arenile di sabbia giallognola che con l’azzurro del cielo rende il colore del mare verde smeraldo.
  • Costa Ionica da Torre San Giovanni a Gallipoli
    Dopo Torre San giovanni la costa diventa frastagliata salvo brevi interruzioni fino a Torre del Pizzo. Superata quast’ultima si entra nell’immensa baia di Gallipoli separata dalla strada litoranea da un bosco.
  • Costa Ionica da Gallipoli a Porto Selvaggio
    Anche a Gallipoli città si può fare il bagno vista la presenza di una caratteristica spiaggia proprio di fronte all’isola di S.Andrea sotto la città vecchia. Risalendo verso Nord si incontrano arenali in sabbia con lidi attrezzati nelle zone di Rivabela e Lido Conchiglie dove ci sono anche zone di spiaggia libera. 
    Caratteristica è la spiaggietta di Santa Maria al Bagno proprio in corrispondenza della piazza principale. Da qui in poi è possibile fare il bagno solo dagli scogli.
  • Costa Ionica da Porto Selvaggio a Torre Lapillo.
    Risalendo verso Nord, la lunga scogliera prosegue fino a San Isidoro dove si apre una splendida baia con acque limpide il cui fondale è molto basso ed è ideale per i bambini. 
    Proseguendo si arriva a Porto cesareo la località balneare forse più nota di tutto il Salento visti i chilometri di arenile con sabbia bianca finissima, dune naturali sullo sfondo, isolotti acque limpide e fondali bassi per lunghi tratti. 
    Infine a più a Nord troviamo Torre Lapillo con una bellissima spiaggia nei pressi della Torre stessa.

Principali centri balneari del Salento:

torna su